Dimensione del testo:
Aggiornato il: Lunedi, 17 dicembre 2018

Haiti dice 17 ucciso a Quake, più di 2,000 case danneggiate

Contenuti da: Voce dell'America

PORT-DE-PAIX -

Il terremoto del fine settimana che ha colpito Haiti ha ucciso persone 17, hanno detto oggi le autorità, e danneggiato o distrutto quasi le case 2,500, suscitando il timore che molti edifici siano in uno stato precario nel povero paese caraibico.

Il terremoto superficiale di 5.9 ha colpito sabato a Haiti nel nord, diffondendo il panico, in particolare intorno a Port-de-Paix, una città costiera che ha assorbito il peso dell'onda d'urto.

Altre due persone sono state confermate morte martedì, portando il bilancio delle vittime a 17, secondo l'agenzia di protezione civile di Haiti.

Un altro popolo 333 è stato ferito, ha detto. Il primo ministro Jean Henry Ceant ha detto che le case 2,280 sono state danneggiate e 168 è stato distrutto.

Il terremoto, centrato appena al largo della costa nord, è stato uno dei più forti a colpire Haiti da quando un terremoto di magnitudo 7.0 vicino a Port-au-Prince ha ucciso decine di migliaia di persone in 2010.

Ci sono state diverse scosse di assestamento, che hanno causato l'allarme attorno a Port-de-Paix, in particolare all'interno della prigione locale.

"I muri della prigione sono tutti incrinati dal terremoto, e l'edificio potrebbe crollare e uccidere tutti noi in qualsiasi momento", ha detto il detenuto Dosty Pierre, 30, dalla sua cella.

Lui e altri prigionieri hanno esortato le autorità a spostarli.

Il capo della polizia amministrativa nazionale, Carl-Henry Boucher, ha detto a Reuters che le autorità penitenziarie nella capitale stavano lavorando sulla questione, ma non potevano dire quando i prigionieri sarebbero stati trasferiti in un'altra prigione.

Domenica, i prigionieri hanno organizzato una rivolta per scappare e sono usciti dalle loro celle, ma le guardie e la polizia antisommossa hanno sventato la prigione, ha detto Jackson Hilaire, capo della polizia per la regione nord-occidentale.

Collegarsi con US

Iscriviti alla nostra Newsletter