Dimensione del testo:
Aggiornato il: Giovedi, 13 dicembre 2018

Oltre e sotto nutrizione: due lati di una moneta malsana

Contenuti da: Inter Press Service

NAZIONI UNITE, ottobre 4 2018 (IPS) - Un cambiamento radicale nel modo in cui mangiamo e pensiamo al cibo è più urgente che mai per prevenire un ulteriore degrado ambientale e un'epidemia di salute ancora più grande.

Un gruppo eterogeneo di esperti provenienti dal mondo accademico, dalla società civile e dalle agenzie delle Nazioni Unite si è riunito a margine dell'assemblea generale per discutere la questione pervasiva dell'insicurezza alimentare e della malnutrizione e le possibili soluzioni per la revisione del sistema.

"Le scelte alimentari sostenibili stanno iniziando ad avere un bell'aspetto e un buon sapore che non è stata la storia del passato." - fondatore di EAT Gunhild Stordalen

"È sorprendente che siamo ancora, nonostante tutti i progressi che abbiamo visto nella scienza e nella tecnologia, abbiamo ancora questo grande divario tra coloro che mangiano troppo e quelli che non hanno abbastanza cibo da mangiare", Barilla Center for Food and Luca Di Leo, responsabile dei rapporti con i media della Fondazione Nutrition, ha dichiarato all'IPS.

Secondo lo stato di sicurezza alimentare e nutrizione nel mondo 2018, il numero di persone affamate è aumentato a oltre 820 milioni in 2017 da circa 804 milioni in 2016, livelli mai visti per quasi un decennio.

Allo stesso tempo, e forse paradossalmente, i tassi di obesità sono aumentati rapidamente nell'ultimo decennio dal 11.7 percento in 2012 al 13.2 percento in 2016. Ciò significa che in 2017, più di uno su otto adulti, o su 670 milioni di persone, nel mondo erano obesi.

L'obesità degli adulti e il tasso di aumento sono i più alti in Nord America e le tendenze in aumento ora possono essere viste anche in Africa e in Asia.

I partecipanti al Forum internazionale su alimentazione e nutrizione hanno sottolineato la necessità di affrontare entrambe le forme di malnutrizione e hanno sottolineato la mancanza di accesso al cibo sano come colpevole.

"Non è solo quello che c'è nel cibo, è quello che c'è nel discorso sul cibo ... c'è più di un modo di mangiare male", ha detto il direttore del Centro di ricerca sulla prevenzione dell'Università di Yale, David Katz.

Tuttavia, molti hanno notato che manca un consenso unificato e fattuale su ciò che costituisce una dieta sana da un sistema alimentare sostenibile.

"Senza obiettivi di mobilitazione dell'azione collettiva, e anche senza meccanismi per coordinare né monitorare i progressi, è davvero difficile ottenere cambiamenti di sistema su vasta scala", ha detto il fondatore di EAT Foundation, una piattaforma globale basata sulla scienza per la trasformazione del sistema alimentare, Gunhild Stordalen.

Katz ha fatto eco a sentimenti simili, affermando: "Non ci arriverete mai se non potete essere d'accordo dove c'è ... dobbiamo radunare attorno a una serie di verità fondamentali".

Combattere il sistema

Tra queste verità c'è la necessità di revisionare l'intero sistema alimentare e agricolo.

Nonostante i famigerati e sconvolgenti risultati del documentario 2004 "Supersize Me", il consumo di cibi e zucchero non elaborati è aumentato.

Secondo il Barilla Center for Food and Nutrition's Food Sustainability Index (FSI) 2017, gli Stati Uniti hanno avuto il più alto consumo di zucchero dai paesi 34 in 2017.

La persona media negli Stati Uniti consuma più di 126 grammi di zucchero al giorno, il doppio di quanto l'Organizzazione Mondiale della Sanità (WHO) raccomanda per l'assunzione giornaliera.

Ciò non solo porta ad aumentare i tassi di obesità, ma ha anche contribuito a un aumento dei livelli di malattie cardiovascolari e diabete.

"Il numero di anni persi per carenze nutrizionali e malattie cardiovascolari è aumentato molto negli Stati Uniti", ha detto Leo Abruzzese dell'Economist Intelligence Unit, che sviluppa l'indice.

"Una delle esportazioni meno impressionanti degli Stati Uniti è stata una cattiva alimentazione ... le persone non stanno necessariamente morendo, ma vivono vite piuttosto miserabili. In queste circostanze, non credi che ci debba essere qualcosa da fare? ", Ha detto all'IPS.

L'FSI ha anche scoperto che il consumo di carne e grassi saturi negli Stati Uniti è tra i più alti del mondo, contribuendo a diete malsane e persino ai cambiamenti climatici.

Secondo l'Università delle Nazioni Unite, le emissioni di bestiame rappresentano quasi il 15 per cento delle emissioni globali di gas serra. Solo carne bovina e prodotti caseari costituiscono il 65 di tutte le emissioni di bestiame.

In effetti, le aziende di carne e prodotti lattiero-caseari sono sulla buona strada per diventare i maggiori contributori al cambiamento climatico, superando l'industria dei combustibili fossili.

Tuttavia, Stordalen ha osservato che la fornitura di diete sane e sostenibili è alla nostra portata.

Le alternative alla carne hanno preso d'assalto molti paesi e potrebbero lentamente trasformare le industrie del fast food e della carne. Ora i consumatori possono trovare "l'hamburger impossibile", un hamburger a base di carne senza carne, in molti ristoranti e catene di fast food come il White Castle.

Recentemente, le aziende di carne vegane con sede negli Stati Uniti Beyond Meat e Impossible Foods sono state recentemente premiate dall'ambiente delle Nazioni Unite con il premio Champions of the Earth.

"Le scelte alimentari sostenibili stanno iniziando ad avere un bell'aspetto e un buon sapore che non è stata la storia del passato", ha detto Stordalen.

"Una volta che le persone hanno il gusto di soluzioni migliori, non solo iniziano a desiderare ma anche a chiedere un futuro migliore. Si uniscono per farlo accadere ", ha aggiunto.

L'FSI è anche uno strumento fondamentale per guidare i governi e i responsabili delle politiche a prestare attenzione ai progressi e alle carenze nei sistemi alimentari del proprio paese.

"Raccogliendo tutti questi [indicatori] insieme, abbiamo essenzialmente un quadro per ciò che pensiamo sarebbe un buon sistema alimentare", ha detto Abruzzese.

Un problema di potere

La mancanza di accesso al cibo sano e le sue conseguenze possono essere viste anche dall'altra parte della catena del valore del cibo: i produttori.

Le donne rappresentano fino al 60 per cento della manodopera agricola in Africa, ma hanno ancora scarso accesso a sementi di qualità, fertilizzanti e attrezzature meccaniche. Allo stesso tempo, spesso si prendono cura della famiglia, si prendono cura dei bambini e cucinano i pasti.

Tale disuguaglianza di genere ha dimostrato di contribuire a un'alimentazione domestica più povera, compresi gli aumenti dell'arresto della crescita tra i bambini.

I partecipanti al forum hanno sottolineato la necessità di responsabilizzare le donne contadine e affrontare le disuguaglianze di genere in agricoltura al fine di promuovere la sicurezza alimentare e nutrizionale e di creare società sostenibili.

"L'opposto della fame è il potere", ha detto il professore di ricerca dell'Università del Texas Raj Patel, indicando il caso del Malawi.

In Malawi, oltre la metà dei bambini soffre di malnutrizione cronica. La raccolta del mais, che è la principale materia prima del paese africano del sud-est, è destinata alle donne che sono anche incaricate di lavorare con cura.

"Anche quando c'era più cibo, c'era più malnutrizione", ha detto Patel.

Un villaggio del nord del Malawi ha affrontato la questione attraverso il Progetto Suoli, Cibo e Comunità Sane e ha ottenuto risultati straordinari.

Accanto alle azioni per diversificare il raccolto, il progetto ha riunito uomini e donne per condividere il carico di lavoro, come cucinare insieme e coinvolgere gli uomini nel lavoro di cura.

Non solo hanno raggiunto l'uguaglianza di genere in agricoltura, il villaggio ha visto anche drammatiche riduzioni della malnutrizione infantile.

"Dobbiamo valutare il lavoro delle donne", ha detto Patel.

Futuro del cibo

Fissare il cibo e il sistema agricolo non è un compito facile, ma deve essere fatto, hanno detto i partecipanti.

"Sappiamo quali sono i problemi, abbiamo anche identificato le potenziali soluzioni ... e la soluzione principale è ognuno di noi", ha detto Di Leo a IPS.

Una delle soluzioni chiave è l'istruzione e responsabilizzare le persone ad essere agenti di cambiamento.

"Una produzione sana arriverà se il consumatore chiederà un'alimentazione sana. E una sana alimentazione arriverà se il consumatore avrà la giusta educazione e informazione ", ha detto Di Leo.

Ad esempio, molti non vedono o conoscono il legame tra cibo e cambiamenti climatici, ha aggiunto.

In effetti, uno studio 2016 ha rilevato una mancanza di consapevolezza dell'associazione tra consumo di carne e cambiamenti climatici e una resistenza all'idea di ridurre il consumo di carne personale.

"È una specie di cambiamento che richiede un approccio dal basso verso l'alto", ha detto Di Leo.

Stordalen ha fatto eco ai commenti di Di Leo, chiedendo un "dugnad" globale, una parola norvegese che descrive l'atto di una comunità che unisce e lavora insieme per raggiungere un obiettivo che servirà tutti.

"Lo stato del sistema alimentare globale richiede una nuova azione collaborativa", ha affermato.

"È ora di abbandonare ufficialmente il detto che" più i cuochi, il brodo peggiore "perché abbiamo bisogno che tutti siano coinvolti per servire il nostro popolo e il pianeta nel futuro giusto".

Seguire @https: //twitter.com/tharanga_yaku

In voga

Notizie regionali & Sviluppo Globale

La compagnia aerea Avianca Brasil dichiara bancarotta

Contenuto di: Voice of America SAO PAULO - Avianca Brasil a corto di contanti, la quarta compagnia aerea del paese, martedì ha cercato bancarotta ...

Presidente messicano Rails presso i tribunali della Corte Suprema della nazione

Contenuto di: Voice of America CITTA 'DEL MESSICO - Martedì il presidente del Messico ha intensificato un conflitto con la magistratura, chiamando l'alta corte del paese ...

Emittente del Congresso dell'Ecuador, 35, come nuovo vicepresidente

Contenuto di: Voice of America QUITO - Il congresso dell'Ecuador martedì ha nominato un emittente radiofonico ed economista 35 di anni come nuovo vice ...

I gruppi verdi del Brasile preparano il piano di emergenza per il cambiamento climatico

Contenuto di: Voice of America KATOWICE, POLONIA - Con le sue pareti e poster in legno per proteggere foreste e fauna, il padiglione del Brasile all'ONU ...

Collegarsi con US

Iscriviti alla nostra Newsletter