Dimensione del testo:
Aggiornato il: Domenica, Marzo 26 2017

Una crisi del sovrappeso e dell'obesità in America Latina e nei Caraibi

Contenuti da: Inter Press Service

Eve Crowley agisce rappresentante regionale della Food and Agriculture Organization (FAO) per l'America Latina ei Caraibi.

SANTIAGO, Jan 23 2017 (IPS) - Obesità e sovrappeso sono diffusi a macchia d'olio in tutta l'America Latina e nei Caraibi, minacciando la salute, il benessere e la sicurezza alimentare e nutrizionale di milioni di persone.

Secondo la nuova pubblicazione della Food and Agriculture Organization delle Nazioni Unite (FAO) e la Pan American Health Organization (OPS), il panorama della sicurezza alimentare e nutrizionale, vicino ai 58 per cento degli abitanti della regione sono in sovrappeso (360 milioni di persone ), mentre l'obesità colpisce 140 milioni di persone, 23 per cento della popolazione regionale.

In quasi tutti i paesi della regione, colpisce in sovrappeso almeno la metà della popolazione, con i più alti tassi osservati nelle Bahamas (69 per cento), Messico (64 per cento) e Cile (63 per cento).

Negli ultimi anni 20 c'è stato un rapido aumento della prevalenza di sovrappeso e obesità tra la popolazione, a prescindere dalla loro economica, etnica o luogo di residenza, anche se il rischio è più elevato nelle regioni importatori di prodotti alimentari netti e paesi che consumano più cibi ultra-lavorati.

Eve Crowley, in qualità di rappresentante regionale della FAO per l'America Latina ei Caraibi. Credit: Max Valencia / FAORLC

Questa situazione è particolarmente grave per le donne, dal momento che in più di paesi 20 dell'America Latina e dei Caraibi, il tasso di obesità femminile è 10 punti percentuali superiore a quello degli uomini. L'impatto è stato anche un notevole nei bambini: 3.9 milioni di bambini al di sotto 5 vivono con sovrappeso nella nostra regione, 2.5 milioni in Sud America, 1.1 milioni in America Centrale e 200 000 nei Caraibi.

Come siamo arrivati ​​qui? Secondo la FAO e OPS, un fattore chiave è stato il cambiamento di abitudini alimentari della regione.

La crescita economica negli ultimi decenni, l'aumento dell'urbanizzazione, il reddito medio più elevato e l'integrazione della regione nei mercati internazionali hanno ridotto il consumo di preparazioni tradizionali a base di cereali, legumi, frutta e verdura fresca, e un aumento del consumo di prodotti ultra-Processing, con quantità elevate di zuccheri, sale e grassi.

Per frenare l'aumento del sovrappeso e dell'obesità, i paesi della regione possono attingere alcune delle preziose esperienze hanno guadagnato nella loro lotta contro la fame. Oggi, la denutrizione riguarda solo 5.5 per cento della popolazione regionale, mentre arresto della crescita nei bambini è anche scesa dal 24.5 per cento in 1990 a 11.3 per cento in 2015, una riduzione del 7.8 milioni di bambini.

Tuttavia, va notato che, anche se la fame è diminuito, non è stato sradicato: ci sono ancora 34 milioni di persone in grado di accedere al cibo di cui hanno bisogno per una vita sana e attiva, il che significa che la regione affronta un doppio carico della malnutrizione.

Secondo la FAO / PAHO Panorama, la lotta contro la malnutrizione e l'obesità sia richiede una dieta sana che include gli alimenti freschi, sani, nutrienti e prodotti in modo sostenibile. La chiave per il progresso è quello di promuovere sistemi alimentari sostenibili che collegano l'agricoltura, il cibo, la nutrizione e la salute.

Al fine di eliminare tutte le forme di malnutrizione, gli Stati dovrebbero incoraggiare la produzione sostenibile di alimenti freschi, sicuri e nutrienti oltre ad assicurare la loro diversità, la fornitura e l'accesso, in particolare per i più vulnerabili nelle regioni che sono importatori netti di alimenti.

Queste misure dovrebbero essere integrate con le politiche per rafforzare l'agricoltura familiare, a breve produzione e commercializzazione alimentare circuiti, sistemi di appalti pubblici legati ai programmi di alimentazione scolastica in buona salute e programmi di educazione alimentare.

Le misure fiscali dovrebbero essere attuate per scoraggiare il consumo di cibo spazzatura, migliorare l'etichettatura degli alimenti e gli avvertimenti in materia di alto livello di zucchero, grassi e sale, e regolamentare la pubblicità di cibi malsani per ridurre il loro consumo.

Queste politiche sono più che mai urgente alla luce degli attuali segnali di stagnazione nella crescita economica regionale, che presentano un rischio significativo per la sicurezza alimentare e nutrizionale.

I governi dovrebbero mantenere e aumentare il loro sostegno ai più vulnerabili per evitare di disfare i loro progressi nella lotta contro la fame e per invertire l'attuale aumento di obesità e sovrappeso, lavorando insieme, attraverso iniziative come la Comunità di latino-americana, Piano di Stati dei Caraibi per la sicurezza alimentare , la nutrizione e la fame di eradicazione.

Anche se ci sono variazioni significative in base alle subregioni e dei paesi, America Latina e Caraibi considerato nel suo complesso ha una disponibilità di cibo che supera di gran lunga le esigenze di tutta la sua popolazione, grazie alla sua grande prestazione agricola. Tuttavia, in molti paesi, questo processo di sviluppo agricolo è attualmente insostenibile, a causa delle conseguenze che sta avendo sugli ecosistemi della regione. La sostenibilità di approvvigionamento alimentare e il suo futuro diversità sono in pericolo se non cambiamo il modo di fare le cose.

La regione deve fare un uso più efficiente e sostenibile dei terreni e altre risorse naturali. I paesi devono migliorare le loro tecniche di produzione alimentare, lo stoccaggio e la lavorazione, e porre fine alle perdite di cibo e rifiuti, come 127 milioni di tonnellate di cibo finiscono nella spazzatura ogni anno in America Latina e nei Caraibi.

Per soddisfare gli obiettivi di sviluppo sostenibile, e in particolare SDG2 / Fame Zero, che mira a sradicare la denutrizione dal 2030, la regione ha bisogno di agire sulle complesse interazioni tra la sicurezza alimentare, sostenibilità, agricoltura, alimentazione e salute, per costruire una fame e la malnutrizione gratuito America Latina e Caraibi.

L'eliminazione della fame e della malnutrizione non è un compito che può essere lasciato alla mano indifferente del mercato. Al contrario, i governi devono esercitare la loro volontà e la sovranità di sviluppare specifiche politiche pubbliche che attaccano le condizioni che perpetuano la fame, sovrappeso e obesità, nonché le loro conseguenze sulla salute di adulti e bambini. Solo girando la lotta alla malnutrizione nella politica dello Stato siamo in grado di porre un freno alla crescita della malnutrizione nella regione.

Collegarsi con US

Iscriviti alla nostra Newsletter