Dimensione del testo:
Aggiornato il: Giovedi, October 19 2017

"Io decido per sé": la donna sud sudanese mostra il potere della conoscenza

Contenuti da: Inter Press Service

RUMBEK, Sud Sudan, set 8 2017 (IPS) - Elizabeth Ayumpou Balang è insegnante in una scuola materna e scuola elementare a Rumbek, una città nel Sud Sudan centrale.

È il suo lavoro da sogno, ma non è stato facile. Come molte ragazze del Sud Sudan, la signora Balang era sposata e divenne madre, mentre era solo un adolescente.

Nel Sud Sudan, circa il 45 per cento delle ragazze si sposano prima di raggiungere l'età 18 - una situazione che potrebbe peggiorare a causa del conflitto in corso. Per molte ragazze, ciò significa educazione incompiuta, maternità precoce e peggiori risultati di salute per se stessi e per i loro figli.

Ma la signora Balang decise di seguire un percorso diverso.

Dopo aver avuto il primo figlio a 18, è tornata a scuola. "Volevo continuare i miei studi e diventare insegnante", ha detto a UNFPA. Da allora, ha bilanciato il suo tempo tra la cura della sua famiglia e la frequenza delle sue lezioni.


Era impegnativa, dice, ma la sua determinazione era più forte.

Potenziato dalla conoscenza

Ha anche fatto un'altra tendenza: lei e suo marito hanno abbracciato la pianificazione familiare. La signora Balang sapeva che i contraccettivi gli avrebbero permesso di raggiungere i suoi obiettivi.

"Se rispondo le norme culturali, non dovrei praticare la pianificazione familiare. Ma io decido per me stesso e mio marito supporta ", ha detto.

Ha iniziato a frequentare una clinica a supporto della UNFPA, dove le ostetriche e gli altri operatori sanitari forniscono una suite completa di sostegno alla salute riproduttiva, tra cui la cura antenatale, servizi di nascita sicuri, informazioni sulla pianificazione familiare e una varietà di opzioni contraccettive.

Ora 23, la signora Balang insegna ad una scuola locale e trova compimento che contribuisce al potenziamento dei suoi studenti attraverso l'istruzione.

Come parte del curriculum scolastico, gli studenti primari sono insegnati moduli sulla parità di genere, l'HIV e l'AIDS e la pianificazione familiare. Fa parte dell'educazione globale della sessualità che le scuole hanno incorporato nei loro programmi, con l'assistenza tecnica dell'UNFPA.

"Insegniamo questi temi in modo da diventare consapevoli di questioni di genere e dei loro diritti, in particolare delle ragazze, nonché di educarli su come proteggersi dall'infezione da HIV e da altre infezioni sessualmente trasmesse", ha spiegato la signora Balang.

Gli studenti rispondono bene ai soggetti, dice. "Sono incoraggiati a partecipare alla discussione, soprattutto quando si rendono conto che è utile per loro essere informato su queste questioni".

Un modello di comportamento

La signora Balang è ora incinta con il suo secondo figlio, e aspetta di consegnare presto. La tempistica della sua seconda gravidanza funziona bene per la sua famiglia, ha detto a UNFPA.

Lei spera che le donne e le coppie del Sud Sudan imparino i vantaggi della pianificazione familiare. Con il conflitto del Paese e l'instabilità diffusa, avere più bambini che non si può nutrire rende la situazione peggiore, ha spiegato.

Gordon Magang, una delle ostetriche che lavora nel progetto per il rafforzamento del servizio per l'assistenza all'aperto di UNFPA, afferma che la signora Balang non è solo un buon modello di ruolo per le ragazze; lei mette anche un esempio positivo per le donne in gravidanza con il modo in cui si prende cura di se stessa.

"Viene regolarmente alla clinica per i controlli antenatali e per ricevere le sue vitamine. Vuole assicurarsi che sia lei sia il suo bambino siano sani ", dice la levatrice.

Il Sud Sudan è uno dei paesi più pericolosi del mondo per essere madre. I dati del governo di 2006 mostrano che per ogni nascita viva di 100,000, le donne 2,054 sud sudanesi sono decedute da complicazioni di gravidanza o di parto. Più recenti dati delle Nazioni Unite mostrano la morte 789 per 100,000 nascite vive, la quinta più alta del mondo.

La pianificazione familiare e l'assistenza sanitaria materna possono portare in discesa queste tragie figure morte materne. L'esempio ispiratore di Balang potrebbe benissimo salvare vite umane.

Collegarsi con US

Iscriviti alla nostra Newsletter